GUIDA AL FUMETTO   TESTATE   GIOVANI AMICI

Giovani Amici
GIOVANI AMICI

  • Dati
  • Note

Anno di prima pubblicazione: 1967
n. 1 00.01.1967 n. (?) 00.04.1991

Codice Editore: CDC
Casa Editrice: Università Cattolica del Sacro Cuore
L.go A. Gemelli 1 - Milano
Direttore Responsabile: Domenico Lofrese > Roberta Maria Rosa Grazzani
Autorizzazione tribunale: MI 1787 (17.11.66)

Stampatore: Tecnografica Milanese
Ponte Sesto di Razzano MI
Distributore: In proprio

Periodicità: Bimestrale > Mensile
Foliazione: 12 > 32 pgg. aucotop.
Formato: 24, 5 x 34 pc > 21 x 28 pm
Colore: Bianco, nero e rosso > 4 + 4
Prezzo: n.i. > vari > 2.000

Periodico per ragazzi fondato nel 1934 da Padre Agostino Gemelli, insieme a un altro giornaletto per bambini più piccoli con testata PICCOLI AMICI, per affiancare la “Rivista degli Amici” pubblicata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e indirizzata a studenti, professori e al personale dell’ateneo, oltre ai sostenitori e ai simpatizzanti dell’università milanese. Con il passare del tempo GIOVANI AMICI si evolve e, da semplice strumento di propaganda di un’istituzione, diventa gradualmente un vero e proprio mensile per i bambini, assorbendo anche la rivista PICCOLI AMICI.
Una delle prove più significative del cambiamento risale al gennaio 1967, quando il bimestrale si rinnova graficamente e la numerazione ricomincia da 1 (12 pgg. autocop. - cm 24,5 x 34 pc - Bianco, nero e rosso - s.i.p.). Presenta rubriche informative sull’università e sulle sue iniziative, un racconto illustrato, alcuni giochi enigmistici e la pagina della “giovane amica” con rubriche di bricolage. Seguono graduali trasformazioni dal punto di vista dei contenuti e della formula editoriale, con l’aumento delle rubriche di attualità e l’introduzione di brevi episodi a fumetti, che portano la testata a diventare un vero e proprio mensile di ispirazione cattolica con finalità educativo-pedagogiche per bambini dai 5 ai 12 anni. Vengono intensificati inoltre i contatti con pubblicazioni analoghe in altri Paesi europei per creare una sorta di catena editoriale per la fascia di età che va dalla fine della scuola materna al primo anno delle medie inferiori.
Nel 1990 si registra un sostanziale rinnovamento della grafica, con riduzione di formato e aumento della foliazione (32 pgg. autocop. - cm 21 x 28 pm - 4 + 4 - 1.700 > 2.000). In ogni numero un reportage fotografico che affronta argomenti di cronaca “a misura di bambino”, la rubrica della posta del pagliaccio Fiordaliso, le poesie e i disegni dei lettori oltre alla fiaba del mese scritta da Roberta Grazzani, redattrice della rivista dal 1965 e direttrice editoriale dal 1972. Presenta inoltre racconti illustrati, giochi, lavoretti, paginoni didattici, servizi di attualità ed ecologia corredati da fotografie, rubriche di cultura religiosa. Disegni di Franca Trabacchi, Luisa Lorenzini, Charlie e Fausto Pisani e altri. La distribuzione della rivista avviene solo tramite abbonamento e nel circuito delle parrocchie e di alcune scuole e librerie.

Creazione scheda: Gianni Bono, 25/04/2015