GUIDA AL FUMETTO   PERSONE   Tacconi Ferdinando

Ferdinando Tacconi Italia

disegnatore

27 Dicembre 1922 - Milano, Italia

11 Maggio 2006 - Milano, Italia

Sin da bambino mostra una propensione al disegno. Dopo il secondo conflitto mondiale, si presenta alla casa editrice Mondadori per mostrare alcuni suoi acquerelli e ottiene del lavoro come illustratore, realizzando delicati ritratti femminili per le riviste GRAZIA e CONFIDENZE.
Debutta nei fumetti alla fine degli anni Quaranta disegnando storie per MORGTAN IL PIRTA, MISS DIAVOLO e altre serie popolari, come SCIUSCIÀ e NAT DEL SANTA CRUZ. Fra il 1958 e il 1969 realizza numerose storie di guerra per l’agenzia inglese Fleetway, dando così sfogo al proprio interesse per gli eventi bellici. Negli anni Sessanta firma anche moltissime illustrazioni e fumetti per il settimanale LOOK AND LEARN (sempre della Fleetway), dalle ambizioni didattiche e divulgative.
All’inizio degli anni Settanta torna a lavorare a pieno ritmo per l’Italia. Oltre a realizzare illustrazioni per libri scolastici, comincia a collaborare con la Edifumetto di Renzo Barbieri, specializzata in tascabili erotici.
Dal 1972 disegna varie serie del CORRIERE DEI RAGAZZI, curando, tra l’altro, la creazione grafica degli “Aristocratici” (1973), scritta da Alfredo Castelli e incentrata su una banda internazionale di ladri gentiluomini.
Dopo aver lavorato in Francia ad alcuni episodi della HISTOIRE DE FRANCE e della HISTOIRE DU FAR WEST per Larousse, realizza due volumi della collana UN UOMO UN’AVVENTURA, edita da Sergio Bonelli: “L’uomo del deserto” e “L’uomo di Rangoon”.
Nel 1983 disegna “Mac Lo Straniero”, scritto da Gino D’Antonio e pubblicato su ORIENT EXPRESS, e, a partire dal 1986, collabora con IL GIORNALINO, realizzando, tra le altre, le serie “Uomini senza gloria” (poi ristampata in volumi col titolo”La seconda Guerra Mondiale”), “Susanna” e “Il sogno di Icaro”, una splendida opera dedicata alla sua grande passione, il volo.
Negli Novanta collabora a molte testate della Sergio Bonelli Editore, disegnando avventure di DYLAN DOG, NICK RAIDER e MISTER NO. Nel 2002 si aggiudica il prestigioso premio Yellow Kid e nel 2003, a Cartoomics, il Premio alla Carriera. Col suo tratto pulito e preciso è in grado di portare sulla carta, con la medesima perizia, sia persone che mezzi meccanici, all’interno di tavole dalla perfetta scansione narrativa.
Creazione scheda: DC, 09/02/2021
Ultima modifica: DC, 09/02/2021