GUIDA AL FUMETTO   PERSONE   Capone Adelino

Adelino Capone - Ade Capone Italia

curatore editoriale, editore, sceneggiatore

26 Dicembre 1958 - Piacenza, Italia

4 Febbraio 2015 - Salsomaggiore Terme, PR, Italia

Nato a Piacenza il 26 dicembre del 1958, Adelino (questo il nome completo) Capone trascorre la propria infanzia a Salsomaggiore Terme, tra partite di pallone e “giornalini” a fumetti. Prima ancora di frequentare le elementari, e quindi di saper leggere, fa la conoscenza dell’avventuroso mondo dei comics grazie alla madre, che gli legge le storie de IL MONELLO e dell’INTREPIDO. A colpirlo sono in particolare quelle di ATLAS, un ragazzino protagonista di avventure fantascientifiche nato dalla fantasia di Luigi Grecchi e dai pennelli di Loredano Ugolini. Con il passare del tempo, e acquisita l’autonomia in fase di lettura, scopre il tarzanide AKIM e ZAGOR. Poi, diventato un assiduo frequentatore dell’edicola, scopre ALAN FORD e i supereroi statunitensi, ampliando il proprio bagaglio di eroi di carta. Frequenta il liceo classico e in seguito la facoltà di geologia. Parallelamente agli studi si dedica alla scrittura e invia decine di soggetti agli editori. L’esordio avviene nei primissimi anni Ottanta, grazie a storie brevi per il settimanale BOY MUSIC (Rizzoli). Ben presto passa all’INTREPIDO (Universo) e a SKORPIO (Eura). I tempi sono maturi per compiere il grande salto: inviare soggetti alla Casa editrice di Sergio Bonelli.

La prima storia accettata riguarda proprio MISTER NO. Pubblicata sui numeri dal 128 al 130, è firmata in tandem con Guido Nolitta, che affianca Capone nella stesura della sua prima sceneggiatura per un character bonelliano. Nella storia, come ogni buon sceneggiatore, Ade innesta su una trama originale elementi che conosce molto bene. Memore dei propri studi universitari, fa assumere Mister No come guida da un gruppo di geologi dell’Università di Tokyo intenzionati ad addentrarsi nella foresta amazzonica per una spedizione scientifica. In realtà, i sedicenti scienziati giapponesi hanno ben altri fini…
Dopo MISTER NO entra negli staff di ZAGOR, del quale scrive una dozzina di episodi, e di MARTIN MYSTÈRE, firmando una storia apparsa sui numeri 126 e 127.
“Il mestiere l’ho imparato in Bonelli,” afferma Ade mostrando una profonda gratitudine, ma la sua voglia di fare lo spinge a sperimentare altre strade. Così, mentre prosegue la collaborazione con la Bonelli, crea, per le pagine de L’ETERNAUTA delle edizioni Comic Art, il fumetto fantascientifico KOR ONE. Il protagonista, che gli dà il titolo, è un androide programmato per incontri di boxe che affronta spesso avversari più tecnologicamente evoluti di lui ma privi di anima. A tradurre le parole in immagini è chiamato Roberto De Angelis, destinato in seguito ad approdare anch’egli in Bonelli (in particolare su NATHAN NEVER).

Le capacità di narratore di Ade, e la sua voglia di fare fanno sì che nei primi anni Novanta, la Star Comics, intraprendente casa editrice umbra, gli proponga la creazione di una nuova testata seriale della quale abbia il totale controllo. Il risultato è LAZARUS LEDD. Il protagonista, Larry, è un taxista/giornalista che si muove a bordo del suo taxi, dapprima nei sobborghi di una Los Angeles violenta e notturna e poi in una New York altrettanto pericolosa. Ma Larry è anche molto altro, dato che un tempo faceva parte del Corpo Speciale Cobra, reparto militare governativo impegnato in missioni segrete, smantellato dopo uno scandalo per traffico di droga.
Le sue storie diventano quindi un misto di avventura, thriller, fantascienza, azione. Una serie “di confine” è solito affermare lo stesso Ade, dato che miscela generi differenti. Dal punto di vista della scrittura si rifà molto ai film e ai telefilm americani: “nel campo dell’azione e dell’avventura credo che gli americani non abbiano rivali. Una questione di ritmo, di linguaggio, che ho cercato di fare mio e di trasporre sulla carta”.

Instancabile sperimentatore e scopritore di talenti grafici, nel 1994 fonda la piccola etichetta indipendente Liberty, una delle prime dedicate all’autoproduzione, con la quale presenta nuove formule editoriali. Punte di diamante della Liberty sono le miniserie IL POTERE E LA GLORIA, illustrata da Stefano Raffaele, ed ERINNI, disegnata da Luca Panciroli.
Intanto, in casa Star Comics, Ade talvolta assume anche il ruolo di editor, redattore, traduttore. Segue, infatti, da vicino svariati progetti, fa da supervisore ad altri sceneggiatori impegnati a creare nuove serie (SAMUEL SAND, HAMMER, GOCCIANERA), progetta e cura testate contenitore (come la bella ma sfortunata FANTASY, dedicata ai fumetti statunitensi di genere). Nel 1998 scrive, in collaborazione con Leonardo Ortolani, la miniserie MORGAN: LA SACRA RUOTA, una storia fantascientifica con elementi misteriosi e cyberpunk.

Al di fuori della Star, invece, sceneggia per Marvel Europe due storie di CONAN IL BARBARO, il guerriero fantasy ideato dallo scrittore statunitense Robert E. Howard. Collabora anche con Max Pezzali, voce e leader degli 883, scrivendo “Gli anni d’oro”, un libro basato sulle canzoni del gruppo, e sceneggiando il videoclip del brano “La donna, il sogno e il grande incubo”.
Nel 2008, per Star Comics, realizza la miniserie in sei numeri TRIGGER. A causa di alcuni dissidi con l’editore, il fumetto è sospeso e gli ultimi due albi, che avrebbero dovuto tirare le fila della storia, non sono mai stati pubblicati. Nel frattempo, con il numero 151, s’interrompe anche LAZARUS LEDD. Le strade della Star Comics e di Ade Capone si separano definitivamente.

Lo sceneggiatore emiliano è pronto a lanciarsi in nuovi progetti, ma anche a riprendere vecchi contatti. Torna a scrivere ZAGOR per la Sergio Bonelli Editore, ma soprattutto comincia un proficuo rapporto lavorativo con la televisione. È tra gli autori delle trasmissioni TV “Il bivio – cosa sarebbe successo se…” (2005/2008) e “Mistero” (2009), di cui dirige l’omonima rivista.
Intanto, mentre progetta nuove serie a fumetti per il mercato francese, alcuni editori nostrani ripropongono in nuove edizioni LAZARUS LEDD (Edizioni if), MORGAN (GP Publishing), ERINNI, KOR ONE e REQUIEM (Cosmo). Pubblica i saggi “Contatto - Incontri ravvicinati con altri mondi” per Piemme (2011), per Priuli & Verlucca “Indagine sull’Aldilà” e “Adam Kadmon” (2013) e il postumo “Mistero nei cieli” (2016).
Si spegne prematuramente nel 2015.

Davide Castellazzi
Creazione scheda: GC, 23/02/2017
Ultima modifica: GC, 23/02/2017