GUIDA AL FUMETTO   PERSONE   Mastantuono Corrado

Corrado Mastantuono Italia

animatore, autore unico, disegnatore

20 Dicembre 1962 - Roma, Italia

Disegnatore e sceneggiatore, ma anche illustratore e copertinista: Corrado Mastantuono è un autore a tutto tondo. Grazie al suo tratto versatile è capace di spaziare dallo stile comico a quello realistico riuscendo sempre a rispettare i cliché imposti dagli editori. Non è certo un caso che a tutt’oggi riesca ad alternare storie di Topolino & Co. a lunghi episodi di TEX WILLER.
Nato a Roma il 20 dicembre 1962, Mastantuono si avvicina ai fumetti da bambino. Tra le sue prime letture ci sono TOPOLINO, TIRAMOLLA, CUCCIOLO, SOLDINO, BRACCIO DI FERRO, CORRIERE DEI PICCOLI e L’UOMO RAGNO. È forse ispirandosi a quest’ultimo che, a soli undici anni decide che è arrivato il momento di dare un contributo alla storia del medium e realizza "L’Uomo Gatto". L’opera, sebbene disegnata direttamente a penna biro e con qualche ingenuità anatomica, lascia già presagire la straordinaria creatività del suo giovane autore.
Naturalmente, Mastantuono non demorde e nel 1980, dopo il diploma all’Istituto Nazionale per la Cinematografia e la Televisione, incomincia una lunga carriera come disegnatore d’animazione. È un’esperienza formativa, al termine della quale, nel 1989, entra in contatto con Rinaldo Traini, proprietario delle edizioni Comic Art, e con Giovan Battista Carpi, celebrato Maestro Disney, che lo segnala alla redazione.
L’esordio “a fumetti” di Mastantuono avviene su TOPOLINO n. 1805 del 1° luglio 1990 con la storia "Zio Paperone e l’unica giovialità", sceneggiata da Fabio Michelini. Un mese dopo, sulle pagine de L’ETERNAUTA firma i disegni della serie fantascientifica "Cargo Team", scritta da Arcangelo Stigliani e rimasta in produzione fino al 1993. In quell’anno, il fumettista romano instaura una collaborazione con la Sergio Bonelli Editore destinata a proseguire a lungo nel tempo. Primo incarico ufficiale è un episodio della serie poliziesca NICK RAIDER dal titolo "Un uomo nel mirino", che vede ai testi il creatore del personaggio Claudio Nizzi. Quando la testata raggiunge il n. 100 gli sono affidate le copertine, che realizza con uno stile pittorico e ricco di suggestioni. Nel 1997 Gianfranco Manfredi lo vuole nello staff della nascente serie western MAGICO VENTO. Nei successivi cinque anni Mastantuono disegna quattro episodi della saga, poi, a partire dal n. 76 ne diventa il copertinista ufficiale.
La straordinaria capacità nell’evocare l’epica del vecchio West gli fa meritare, nel 2007, l’ingresso nel ristretto novero dei disegnatori di TEX. Parallelamente, prosegue la collaborazione con la Disney per la quale scrive e disegna non solo un centinaio di storie, tra le quali "Zio Paperone e la scoperta del «nulla»", ma crea il bizzarro BUM BUM GHIGNO, un imbianchino tanto pasticcione quanto irresistibile. Nel 2004 Mastantuono approda al mercato francese. Les Humanoïdes Associés gli commissionano i disegni di "Élias le maudit" ("Elias il maledetto"), una serie fantasy sceneggiata da Sylviane Corgiat. Cinque anni dopo, per lo stesso editore, crea e sceneggia il fumetto per bambini "Le Petit Pierre" ("Il piccolo Pierre") affidato alle matite dell’amico e collega Stefano Intini.
Articolo di Gabriele Ferrero tratto dalla collana TOPOLINO STORY (RCS, 2015).
Creazione scheda: Dea Brusorio, 06/10/2015
Ultima modifica: GC, 12/10/2015