GUIDA AL FUMETTO   PERSONE   Turner Gilbert Henry

Gilbert Henry Turner - Gil Turner USA

animatore, disegnatore, sceneggiatore

1 Dicembre 1911 - Milwaukee, Wisconsin, USA

19 Marzo 1967 - Scottsdale, Arizona, USA

Gilbert Henry Turner nasce nel 1911 a Milwaukee, nel Wisconsin, da Charles Edward Turner e Alice Marie Gilbert, entrambi nati nel 1883. Gil ha un fratello minore, Robert W., nato nel 1920 a Chatsworth, in California, dove la famiglia si è nel frattempo trasferita e dove Charles lavora come magazziniere per il dipartimento delle ferrovie della contea di Los Angeles. Nel 1932 Turner debutta nell’animazione, probabilmente come intercalatore, presso lo studio Disney. Il 28 settembre 1934, a Los Angeles, sposa la ventenne Angelyn Robbins. Si trasferisce quindi a Detroit, nel Michigan, dove nel 1936-38 è animatore presso lo studio Jam Handy (di Jameson Handy), che produce cortometraggi promozionali per Chevrolet e altre compagnie. Nel 1938 torna in California ed entra in forza allo studio Schlesinger/Warner Bros., dove per una paga annuale di $3900 anima personaggi quali BUGS BUNNY e PORKY PIG per i registi Ben Hardaway, Cal Dalton e Friz Freleng. Allo studio Schlesinger/Warner Bros., Turner è vittima di vari scherzi giocatigli dai suoi colleghi. Una volta gli nascondono i vestiti dopo che se li è tolti perché nello studio non c’è l’aria condizionata. Chiamato ad arte dal braccio destro di Schlesinger, Henry Binder, gli si presenta in mutande e canottiera. Il figlio di Gil e Angelyn, Thomas, nasce nel 1939. Nel 1944 Turner realizza le prime storie a fumetti con “animali buffi” per Jim Davis, coordinatore della produzione del Sangor Studio. Tali storie appaiono sugli albi della ACG/Creston e Better/Standard, ma Turner lavora anche per Laue/Dearfield e soprattutto per la Dell/Western, l’editrice dove realizzerà il maggior numero di storie (con personaggi Disney, Warner e MGM) dal 1947 al 1957. Forse ancora nell’ambito del Sangor Studio, nel 1950 realizza anche una striscia settimanale, “Holly Wood”, pubblicata esclusivamente sul quotidiano “Redwood Journal Press-Dispatch” ogni mercoledì. Turner è uno dei più grandi disegnatori di “personaggi buffi”. Tra il 1944 e il 1952 scrive le sceneggiature e cura il lettering della maggior parte delle storie che disegna, conseguendo livelli di eccellenza con serie quali “Barney Bear and Benny Burro” (PAPPALARDO E CIUFFINO), The Li’l Bad Wolf (LUPETTO) e Little Pancho Vanilla. Sfondi realistici e dettagliati rendono ancor più credibili i suoi personaggi umani o antropomorfi. Dal 1952 in poi si limita di solito al disegno a matita, lasciando chine e lettering a un artista non meglio identificato, forse un suo collega nell’animazione. Mentre disegna fumetti con regolarità, Turner continua la carriera di animatore. Nel 1944 è al piccolo studio Carry-Weston di J. Richard Weston’s con altri transfughi di Warner Bros. e Disney quali Jack Bradbury e Ray Patin, dove anima “The Inside Story of Seaman Joe”, realizzato per conto della Marina USA. Tra il 1946 e il 1948 è alla MGM, dove lavora con i registi Tex Avery, Preston Blair e Michael Lah. Per questi ultimi due anima cortometraggi con Barney Bear, personaggio con il quale realizza poi diverse storie a fumetti. Negli anni Cinquanta è allo studio di Ray Patin (dove anima cortometraggi pubblicitari), poi da Walter Lantz (dove anima Picchiarello e cortometraggi di altre serie per il regista Paul J. Smith) e alla UPA (dove è animatore con i registi Pete Burness e Jack Kinney e poi egli stesso regista per Mr. Magoo). Nei primi anni Sessanta anima almeno una sequenza di “The Yogi Bear Show” con il leone Snagglepuss (Svicolone) per Hanna-Barbera, poi dirige alcuni episodi di “The Alvin Show” per la Format Films e partecipa all’animazione del lungometraggio “The Man from Button Willow” con altri veterani del settore. Nel 1963 si trasferisce a Scottsdale, in Arizona, dove accetta un lavoro presso la Richardson Camera Co. Continua tuttavia a lavorare part time per Hanna-Barbera realizzando layouts per lo show televisivo “Space Ghost”. Purtroppo si ammala di cancro e muore nel marzo 1967, appena due mesi e mezzo dopo suo padre (morto il 9 gennaio). Il funerale è celebrato dalla loggia massonica cui appartiene. Dopo la sua scomparsa, la moglie Angelyn torna a Los Angeles, dove scomparirà nel 1988.

Alberto Becattini
Creazione scheda: Alberto Becattini, 03/08/2015
Ultima modifica: Alberto Becattini, 17/09/2015