GUIDA AL FUMETTO   PERSONE   Dalla Santa Giuseppe

Giuseppe Dalla Santa Italia

disegnatore

18 Settembre 1950 - Venezia, Italia

29 Aprile 2011 - Lido di Venezia, Italia

18 settembre 1950. È in quel giorno che, a Venezia, nasce Giuseppe Dalla Santa. Appassionato di fumetti fin dall’infanzia, il futuro disegnatore ha una carriera scolastica che sembra condurlo verso una professione ben diversa da quella che avrebbe poi svolto. Dopo il liceo scientifico, infatti, frequenta la facoltà di Giurisprudenza. Ma proprio quando la sorte sembra indirizzarlo verso la carriera avvocatizia, nasce in lui il desiderio di dedicarsi al fumetto e s’iscrive all’Accademia di Belle Arti. Nel 1975, dopo il diploma, Dalla Santa entra nello studio dei fratelli Ennio e Vladimiro Missaglia dai quali apprende i rudimenti del mestiere. Tra i suoi primi lavori ci sono alcuni episodi della serie d’ambientazione esotica "Kalì", pubblicata in Francia da Jeunesse & Vacances. Negli anni successivi collabora con numerosi editori italiani, tra i quali Dardo (SUPEREROICA), Cenisio (FURIA CAVALLO DEL WEST), Universo (INTREPIDO) ed Eura (LANCIOSTORY e SKORPIO), e la francese Éditions Aventures et Voyages ("Yukon"). Per quasi quindici anni, Dalla Santa affronta molti generi del fumetto realistico finché, nel 1989, Giovan Battista Carpi lo invita a disegnare per TOPOLINO. La sua prima storia è "Zio Paperone e la scatola del tempo", sceneggiata da Fabio Michelini e pubblicata nell’ottobre di quell’anno.
In un’intervista rilasciata ad Alessandro Sisti, il disegnatore veneziano diceva: “Negli ultimi tempi in cui mi occupavo di realistico notavo che il mio tratto stava acquisendo una sfumatura grottesca. Quando ho cominciato ad approfondire il comico ho scoperto che era nelle mie corde e, alla fine del periodo di studio, in cui devo ammettere di essermi divertito moltissimo, ho realizzato di essere più portato per quello”.
Tra le sue storie disneyane più memorabili vanno citate almeno la parodia "Paperino in: La storia (in)finita" (1991), quelle che compongono la lunga saga delle "Fantaleggende" (1993/1996) e "Topolino e il mistero della Luna Nera" (2000), tutte sceneggiate dalla moglie Caterina Mognato, "Zio Paperone e il recupero monetario" (2006), che vede ai testi Stefano Ambrosio, e "Paperin Canaletto e il ritratto del Doge" (2007), scritta da Roberto Gagnor. Sono da ricordare anche le due storie di carattere sportivo: "Topolino e l’avventura sull’acqua" (1991) e, in occasione dei cento anni del giro d’Italia, "Zio Paperone e il centenario delle 100 bici" (2009), sceneggiate da Massimo Marconi.
Parallelamente alla collaborazione con la Disney, negli anni Novanta, Dalla Santa disegna alcune storie del draghetto PREZZEMOLO e una storia, l’unica in stile realistico realizzata dopo il 1989, dal titolo "Una sera, una donna, in un albergo" apparsa sul "Ciga Hotels Magazine".
Giuseppe Dalla Santa muore nella notte del 29 aprile 2011 dopo una lunga malattia. Postuma esce "Topolino e la minaccia acquatica", storia scritta da Augusto Macchetto e pubblicata su TOPOLINO n. 2896 del 31 maggio 2011: il miglior modo di celebrare un autore straordinario, che grande impulso aveva dato ai personaggi creati da Walt Disney.
Articolo di Gabriele Ferrero tratto dalla collana TOPOLINO STORY (RCS, 2015).
Creazione scheda: Dea Brusorio, 09/10/2015
Ultima modifica: GC, 12/10/2015